Il Coro dal 1976 al 1979

Col volto sereno ed il fisico stanco
Ognuno è presente per l’ora del canto
Ne agio ne male in questo convegno
Sol pel canto il massimo impegno.
Un sol canto
Da tante voci s’ode soltanto
Si trovano uniti sol per cantare
Fraterna amicizia li lega fra loro
Questo è il coro.

(Luciano Guglielmi)

 


A Venezia c’eravamo anche noi. Nel giugno del 1977 è stato organizzato un grande incontro corale che vede più di 1500 coristi suddivisi in 42
cori. Al mattino si canta nelle varie chiese e il pomeriggio tutti in piazza San Marco.

Il nostro repertorio in quegli anni era molto consistente, ricordiamo alcuni brani:

La Pastorella, El Grillo, Tenebrae Factae Sunt, So ben mi ch’a bon tempo, Dolcissimo ben mio, E quei briganti neri, La vispa Teresa, Fischia il vento, Kalinka, Ninna nanna russa, Son questi i crespi crini, Ave Verum Corpus, O quant’è bello, Pasci Angionedda, Canto della sera.

Nell’ottobre del 1976 si tiene la prima di una lunga serie di rassegne che porteranno a Fumane molti cori. Si è cominciato  con l’ospitare cori veronesi per poi invitare negli anni successivi cori da tutta l’Italia e dall’estero. Uno degli scopi che il coro “Amici della musica”  si è dato fin dalla fondazione è quello di far crescere la conoscenza e l’amore per la musica a Fumane. Questa e le successive rappresentazioni hanno sicuramente contribuito al raggiungimento  dell’obbiettivo

In tutte le attività umane è importate accrescere la conoscenza per migliorare il risultato. La maniera più semplice e piacevole per farlo è lo scambio di esperienze con altri. La musica non si sottrae a questa considerazione, per questo gli “Amici della Musica” hanno sempre cercato il contatto con altre esperienze musicali. I gemellaggi con Bormio e con Eichstatt di quel periodo sono ancora vivi nei ricordi dei coristi.

Inizia in questo periodo una lunga collaborazione con l’orchestra “G. Torelli”, sorta da poco sotto la guida del nostro maestro Croci. Costante è la partecipazione alla rassegna provinciale dei cori veronesi, organizzata annualmente alla Gran Guardia.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *