50 anni di musica insieme

Finalmente possiamo festeggiare i cinquant’anni di vita del nostro coro, gli Amici della Musica di Fumane. Una tappa molto importante per noi. Ne abbiamo avute altre, ma come succede nello sport, non è  l’arrivo.
Questi momenti ci portano istintivamente a fare dei bilanci. Si ripercorrono gli anni passati per avere la conferma del risultato positivo. Si, positiva questa esperienza lo è  stata, ma non è cosi che vogliamo  guardare la nostra vita corale.
Vogliamo pensare al coro come a una stella cometa che attraversa tanti cieli e lascia traccia del suo passare.
Scoprire l’amore per la musica che abbiamo suscitato. Le canzoni del nostro repertorio fatte apprezzare e conoscere. Le emozioni suscitate con il nostro canto. L’accoglienza di Fumane e della Valpolicella data a tanti cori. Sempre con noi nelle nostre uscite e trasferte.

Abbiamo regalato tanto, ma anche raccolto molto.
Pensiamo ai tanti cori con cui abbiamo cantato.  Repertori e nuove canzoni conosciute, poi alcune fatte nostre. Alle tante persone incontrate,  alle amicizie nate e cresciute. Nuovi paesi visitati e nuovi stili di vita scoperti.
La nostra stella ha attraversato un tempo infinito, anche se la misura del tempo è una convenzione, la nostra scia ha toccato due secoli anzi due millenni.  Dal 1970 al 2020.
Per due anni il nostro tempo si è  fermato,  ma ora vogliamo festeggiare e ripartire.
A guidare il nostro cammino ci sono stati diversi direttori. Con l’inizio di questo secolo  abbiamo preso un giovane maestro. Cresciuto e svezzato con le nostre capacità di mettere in difficoltà chiunque ci avesse  diretto. Ha resistito ed è riuscito a farci fare sempre bella figura. Il nostro grazie a Gianpaolo Dal Dosso.
A dare lustro a Fumane e al suo coro ha sempre contribuito un po’ tutta la Valpolicella. Molti dei nostri coristi attuali e passati provengono dai comuni vicini.

Sono un’infinità le persone e tanti gli enti che ci hanno sostenuto in tutti questi anni. Il nostro grazie è  doveroso ma anche sincero.
Come ben sapete la nostra attività è autofinanziata. Certi eventi e concerti importanti pero hanno bisogno di un un’ulteriore aiuto.

Il nostro canto continua. Imelda dice di andare avanti. Lei sempre presente in tutti questi cinquant’anni chiede di essere affiancata da voci nuove. Due giovani sono da poco entrati nella formazione.  Aspettiamo altri amanti della musica corale. Cantare in coro è impegnativo anche per le numerose prove necessarie per imparare i brani.  Ma ampiamente ripagato.

Concerti per il cinquantesimo

Cinquant’anni di vita del coro